"Bloggopolis"

La Piazza delle Idee nella Città del Dialogo

Le idee sono il motore di una realtà che vive e respira al di là della nostra sola mente. Ecco allora spuntare Bloggopolis, uno spazio contemporaneo per dar voce a una città saggia e antica che vuole parlare, dialogare e conversare del presente e del futuro. Una piazza in cui raccogliere, attraverso i vostri commenti, il 'sentiment' di una popolazione a volte silenziosa e timida, sicuramente generosa e propositiva. Una polis del nostro tempo, la cui piazza virtuale sia specchio di una città che ci sta a cuore. Piacenza ‘città comune’.


mercoledì 29 novembre 2017

Dalla parte del torto/De la parte equivocada (Limitare il disonore, vol. I)

Dalla copertina dell'edizione spagnola di:
Dalla parte del torto
 
Dalla parte del torto
De la parte equivocada
(Limitare il disonore, vol. I)

Piergiorgio Bellocchio
Traduzione di Salvador Cobo

Moralista capace di vedere la realtà con gli
stessi occhi e la stessa ricchezza di 
immaginazione dei grandi romanzieri di una volta, 
questo libro contiene riflessioni e satire 
di Piergiorgio Bellocchio, l'esegesi di luoghi comuni 
conservatori e progressisti sulla vita politica e 
sociale d'Italia dagli anni Ottanta, in piena sconfitta 
della sinistra e l'ascesa del 
consumismo televisivo che alla fine 
avrebbe portato a Berlusconi.

Indipendente dall'industria culturale e
dall'agenda dei media, individualista e
ritirato dalla vita pubblica, lo stile di
Bellocchio non rientra in alcuna categoria
ben definita (Letteratura? Autobiografia?
Saggistica? Critica letteraria,
cinematografica, culturale, sociale?),
che potrebbe deludere gli opinion maker e
gli apprendisti di prodotti prefabbricati e
di provocazioni scandalose.

Limitare il disonore. Un obiettivo che vent'anni fa avrei considerato disgustoso e assurdo, perché l'onore e il disonore non sono cose misurabili. E, in effetti, è un traguardo miserabile, una meschinità morale, un evento degno di un leccapiedi della commedia. Ma quando ero giovane non potevo concepire una sconfitta di queste proporzioni. A quel tempo, la cosa peggiore che potessi immaginare era la sconfitta politica per mano della controrivoluzione, che si manifestava nella repressione che, per quanto spietata fosse (o proprio per questo), garantiva ai vinti l'onore dell'esilio, della prigione o, meglio ancora, la gloria del patibolo. Il destino è stato ridicolo [...] I nostri tempi sono meno drammatici, meno direttamente tragici, anche se più disperati. Il terrore e la miseria possono ora essere chiamati consenso e benessere".

Dalla parte del torto è il libro che più getta luce sull'Italia degli'anni 2000.
Alfonso Berardinelli (Leggere è un rischio)

Piergiorgio Bellocchio è il vero eretico della cultura italiana.
Il Corriere della Sera

domenica 26 novembre 2017

SECONDO NOVECENTO Ciclo su Franco Fortini - Ultimo appuntamento

Piacenza Auditorium Fondazione 
via S. Eufemia 12 
Cittàcomune ha proposto tre serate per ricordare Franco Fortini (1917-1994) e riflettere sulla sua attività di saggista e poeta, traduttore, critico, testimone. 
Martedì 28 novembre ore 21 – incontro conclusivo 

Fortini e la Storia, tra ideologia e profezia 
Ne parla e discute con i presenti 
Alfonso Berardinelli 

Alfonso Berardinelli è stato professore di Storia della critica letteraria all’Università di Venezia fino alle dimissioni volontarie nei primi anni Novanta. Nel lontano 1973 ha pubblicato la prima monografia su Fortini (Franco Fortini, La Nuova Italia). Dai primi anni Settanta fino alla chiusura nel 1984 ha collaborato a “quaderni piacentini”; dal 1985 al 1993 con Piergiorgio Bellocchio ha pubblicato “Diario”, rivista interamente scritta e autoprodotta dai due autori (ristampa fotografica integrale, Diario, Quodlibet 2010), nel numero 10 del quale (giugno 1993) è tornato a occuparsi di Fortini in un ampio saggio polemico (“Stili dell’estremismo”). Critico e saggista, collabora a quotidiani e riviste. La sua ampia produzione è raccolta in vari volumi, tra cui: Cento poeti. Itinerari di poesia (Mondadori, 1991); La poesia verso la prosa (Bollati Boringhieri, 1994), L’eroe che pensa (Einaudi, 1997); La forma del saggio (Marsilio, 2002, premio Viareggio); Casi critici. Dal psotmoderno alla mutazione (Quodlibet, 2007). 

Franco Fortini (pseudonimo di Franco Lattes) nasce a Firenze nel 1917. Frequenta l’ambiente intellettuale fiorentino, con una precocissima avversione per l’Ermetismo e l’antifascismo crociano o estetizzante dei coetanei. Ebreo il padre, cattolica la madre, entrambi non osservanti, ebbe un’educazione laica. Nella lettura della Bibbia, di Calvino, dell’esistenzialismo di Karl Barth sviluppa una vocazione religiosa, fino all’adesione, ventenne, alla Chiesa Valdese: (“diventare cristiano fu il mio détour per diventare socialista”). Laureato in Legge e in Lettere, nel 1941 è chiamato alle armi. Tra la caduta di Mussolini e l’8 settembre è nella Milano devastata dai bombardamenti, dove assiste al crollo militare e civile del Paese. Ripara clandestinamente in Svizzera: qui riceve da Silone nel ’44 la prima tessera del Partito socialista, che manterrà fino al ’58. 
Dal 1945 si stabilisce a Milano. Tra gli animatori della rivista di Vittorini «Il Politecnico» (‘45-47), è scrittore e appassionato ideologo, analista delle idee in quanto inseparabili dalle scelte morali e dall’azione politica, con un’acutezza e una sensibilità tormentate e tormentose. Diviso fra Marx e Kierkegaard, situa nel lavoro culturale il trait d’union tra politica e vita, tra noi e io. “La parola cultura - scrive già nel 1945 - fa pensare ai libri o allo studio… Per noi cultura è invece il modo nel quale gli uomini producono quanto è necessario alla loro esistenza, la particolare maniera, mutevole per il mutare dei mezzi di produzione, con la quale essi entrano in rapporto con gli altri uomini e con le cose. Cultura è la forma nella quale gli uomini, nella loro storia, si sono scambiati i prodotti del lavoro, costruite capanne e cattedrali, scelte le parole dell’amore; è la forma varia nella quale hanno fissato i costumi, i riti, le leggi; arato i campi, esplorato il mare, condotto gli eserciti, speculato i cieli, composto i poemi”. 
Fortini lavora come giornalista («Avanti!»), pubblicitario (Olivetti), consulente editoriale, insegnante in Istituti tecnici milanesi e poi all’Università di Siena. All’opera di poeta e traduttore, affianca l’intensa attività di saggista-critico. Tra gli anni ’50 e i ’70 scrive principalmente su riviste militanti: «Discussioni» (1949-53), «Officina» (1955-59), «Ragionamenti» (1955-57), «quaderni piacentini» (1962-84); successivamente anche su settimanali e quotidiani di ampia tiratura («Corriere della Sera», «L’Espresso», «Il Sole 24 ore», «il manifesto»). La sua produzione poetica e le sue scritture militanti confluiscono in molti volumi. Da Einaudi escono Foglio di via e altri versi (1946) e il diario di un viaggio in Cina Asia maggiore (1956); negli stessi anni per Comunità traduce Kierkegaard e Simone Weil, e successivamente Proust, Éluard e, in collaborazione con la moglie Ruth Leiser, Brecht, e il Faust di Goethe in dialogo con l’amico Cases. Nel 1957, all'indomani della rivolta ungherese, pubblica da Feltrinelli Dieci inverni 1947-57. Contributi a un discorso socialista, estremo tentativo di riannodare nell'autocritica il filo di un socialismo possibile, dopo le traciche delusioni seguite alle speranze della Resistenza. Tra i primi a cogliere i segni della modernizzazione capitalistica anche in Italia (del 1961 è la Lettera ad amici di Piacenza, poi in L’ospite ingrato, De Donato 1966), negli anni ’60-’70 Fortini è uno dei “padri” della Nuova sinistra. Prima e dopo il Sessantotto, ridefinisce radicalmente i rapporti tra intellettuali e potere in molti saggi e libri: Verifica dei poteri. Scritti di critica e di istituzioni letterarie (Il Saggiatore, 1965), I cani del Sinai (De Donato, 1967), Saggi italiani (De Donato, 1975), Questioni di frontiera. Scritti di politica e letteratura 1965-1977 (Einaudi, 1977). Raccoglie la produzione poetica in Una volta per sempre. Poesie 1938-1973 e Paesaggio con serpente. Versi 1973-1983 (Einaudi, 1978 e 1984). Da Garzanti pubblica nel 1984 Insistenze. Cinquanta scritti 1976-1984, affilata critica del “nichilismo” degli anni Ottanta, e, dopo la caduta del Muro, Extrema ratio. Note per un buon uso delle rovine. Del 1991 è Non solo oggi. Cinquantanove voci (Ed. Riuniti), “dizionario” di temi e parole-chiave di mezzo secolo di lavoro culturale. Attraverso Pasolini (Einaudi, 1992) riassume la tormentata storia dei loro rapporti. Il suo testamento poetico, Composita solvantur, esce da Einaudi nel 1994, l’anno in cui Fortini muore a Milano il 28 novembre. Nel 1996-97 esce postumo Disobbedienze, scritti sul manifesto 1972-1994 (prefazione di Rossana Rossanda), nel 2003 il Meridiano Saggi ed epigrammi e nel 2014, sempre per Mondadori, Tutte le poesie (entrambi a cura e con introduzione di Luca Lenzini).

domenica 19 novembre 2017

SECONDO NOVECENTO Ciclo su Franco Fortini - Secondo appuntamento

SECONDONOVECENTO 

FRANCO FORTINI 
TRE INCONTRI NEL CENTENARIO DELLA NASCITA
Piacenza Auditorium Fondazione via S.Eufemia 12

Cittàcomune propone tre serate per ricordare Franco Fortini (1917-1994) e riflettere sulla sua attività di saggista e poeta, traduttore, critico, testimone.

Giovedì 23 novembre ore 21 – secondo incontro 
Prima e dopo il ‘68. Cultura e politica 
Presenza e rilevanza della ‘voce’ di Fortini nei “quaderni piacentini”
Ne parla e discute con i presenti Piergiorgio Bellocchio

Piergiorgio Bellocchio ha fondato con Grazia Cherchi nel 1962 e diretto per oltre vent’anni “quaderni piacentini”, la più importante rivista della Nuova sinistra italiana. Pur privilegiando la scrittura critico-saggistica, ha esordito come narratore con I piacevoli servi (Mondadori 1966). Dal 1985 al 1993 ha pubblicato “Diario”, rivista interamente scritta e autoprodotta con il solo Alfonso Berardinelli, in compagnia di grandi del passato di volta in volta antologizzati (ristampa fotografica integrale, Diario, Quodlibet 2010). La sua precedente produzione è raccolta in vari volumi, tra cui: Dalla parte del torto (Einaudi, 1989), Eventualmente e L’astuzia delle passioni (Rizzoli, 1993 e 1995), Oggetti smarriti (Baldini& Castoldi, 1996), Al di sotto della mischia. Satire e saggi (Libri Scheiwiller, 2007). È presidente onorario di Cittàcomune, dopo esserne stato per molti anni il presidente effettivo. 

Franco Fortini (pseudonimo di Franco Lattes) nasce a Firenze nel 1917. Frequenta l’ambiente intellettuale fiorentino, con una precocissima avversione per l’Ermetismo e l’antifascismo crociano o estetizzante dei coetanei. Ebreo il padre, cattolica la madre, entrambi non osservanti, ebbe un’educazione laica. Nella lettura della Bibbia, di Calvino, dell’esistenzialismo di Karl Barth sviluppa una vocazione religiosa, fino all’adesione, ventenne, alla Chiesa Valdese: (“diventare cristiano fu il mio détour per diventare socialista”). Laureato in Legge e in Lettere, nel 1941 è chiamato alle armi. Tra la caduta di Mussolini e l’8 settembre è nella Milano devastata dai bombardamenti, dove assiste al crollo militare e civile del Paese. Ripara clandestinamente in Svizzera: qui riceve da Silone nel ’44 la prima tessera del Partito socialista, che manterrà fino al ’58. 
Dal 1945 si stabilisce a Milano. Tra gli animatori della rivista di Vittorini «Il Politecnico» (‘45-47), è scrittore e appassionato ideologo, analista delle idee in quanto inseparabili dalle scelte morali e dall'azione politica, con un’acutezza e una sensibilità tormentate e tormentose. Diviso fra Marx e Kierkegaard, situa nel lavoro culturale il trait d’union tra politica e vita, tra noi e io. “La parola cultura - scrive già nel 1945 - fa pensare ai libri o allo studio… Per noi cultura è invece il modo nel quale gli uomini producono quanto è necessario alla loro esistenza, la particolare maniera, mutevole per il mutare dei mezzi di produzione, con la quale essi entrano in rapporto con gli altri uomini e con le cose. Cultura è la forma nella quale gli uomini, nella loro storia, si sono scambiati i prodotti del lavoro, costruite capanne e cattedrali, scelte le parole dell’amore; è la forma varia nella quale hanno fissato i costumi, i riti, le leggi; arato i campi, esplorato il mare, condotto gli eserciti, speculato i cieli, composto i poemi”. 
Fortini lavora come giornalista («Avanti!»), pubblicitario (Olivetti), consulente editoriale, insegnante in Istituti tecnici milanesi e poi all'Università di Siena. All'opera di poeta e traduttore, affianca l’intensa attività di saggista-critico. Tra gli anni ’50 e i ’70 scrive principalmente su riviste militanti: «Discussioni» (1949-53), «Officina» (1955-59), «Ragionamenti» (1955-57), «quaderni piacentini» (1962-84); successivamente anche su settimanali e quotidiani di ampia tiratura («Corriere della Sera», «L’Espresso», «Il Sole 24 ore», «il manifesto»). 
La sua produzione poetica e le sue scritture militanti confluiscono in molti volumi. Da Einaudi escono Foglio di via e altri versi (1946) e il diario di un viaggio in Cina Asia maggiore (1956); negli stessi anni per Comunità traduce Kierkegaard e Simone Weil, e successivamente Proust, Éluard e, in collaborazione con la moglie Ruth Leiser, Brecht, e il Faust di Goethe in dialogo con l’amico Cases. Nel 1957, all'indomani della rivolta ungherese, pubblica da Feltrinelli Dieci inverni 1947-57. Contributi a un discorso socialista, estremo tentativo di riannodare nell'autocritica il filo di un socialismo possibile, dopo le traciche delusioni seguite alle speranze della Resistenza. Tra i primi a cogliere i segni della modernizzazione capitalistica anche in Italia (del 1961 è la Lettera ad amici di Piacenza, poi in L’ospite ingrato, De Donato 1966), negli anni ’60-’70 Fortini è uno dei “padri” della Nuova sinistra. Prima e dopo il Sessantotto, ridefinisce radicalmente i rapporti tra intellettuali e potere in molti saggi e libri: Verifica dei poteri. Scritti di critica e di istituzioni letterarie (Il Saggiatore, 1965), I cani del Sinai (De Donato, 1967), Saggi italiani (De Donato, 1975), Questioni di frontiera. Scritti di politica e letteratura 1965-1977 (Einaudi, 1977). Raccoglie la produzione poetica in Una volta per sempre. Poesie 1938-1973 e Paesaggio con serpente. Versi 1973-1983 (Einaudi, 1978 e 1984). Da Garzanti pubblica nel 1984 Insistenze. Cinquanta scritti 1976-1984, affilata critica del “nichilismo” degli anni Ottanta, e, dopo la caduta del Muro, Extrema ratio. Note per un buon uso delle rovine. Del 1991 è Non solo oggi. Cinquantanove voci (Ed. Riuniti), “dizionario” di temi e parole-chiave di mezzo secolo di lavoro culturale. Attraverso Pasolini (Einaudi, 1992) riassume la tormentata storia dei loro rapporti. Il suo testamento poetico, Composita solvantur, esce da Einaudi nel 1994, l’anno in cui Fortini muore a Milano il 28 novembre. Nel 1996-97 esce postumo Disobbedienze, scritti sul manifesto 1972-1994 (prefazione di Rossana Rossanda), nel 2003 il Meridiano Saggi ed epigrammi e nel 2014, sempre per Mondadori, Tutte le poesie (entrambi a cura e con introduzione di Luca Lenzini).

giovedì 16 novembre 2017

SECONDO NOVECENTO Ciclo su Franco Fortini - Primo appuntamento


SECONDONOVECENTO 
FRANCO FORTINI 
TRE INCONTRI NEL CENTENARIO DELLA NASCITA 
Piacenza Auditorium Fondazione 
via S. Eufemia 12

Cittàcomune propone tre serate per ricordare Franco Fortini (1917-1994) e riflettere sulla sua attività di saggista e poeta, traduttore, critico, testimone. 

Giovedì 16 novembre ore 21 – primo incontro 

Profilo di un letterato militante

Ne parla e discute con i presenti Luca Lenzini 
«In mezzo secolo di impegno, Fortini si è costantemente posto come analista delle idee in quanto inseparabili dalle scelte morali e dall'azione politica»

Luca Lenzini (Firenze 1954) dirige la biblioteca della Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Siena ed è coordinatore del Centro studi Franco Fortini. Di Fortini ha curato il Meridiano Saggi ed epigrammi e il volume Tutte le poesie (Mondadori 2003 e 2014), nei quali ha scritto anche il saggio introduttivo. Si è occupato inoltre di Vittorio Sereni, Guido Gozzano, Giovanni Giudici, Attilio Bertolucci, Alessandro Parronchi. Tra i suoi libri ricordiamo: Stile tardo. Poeti del Novecento italiano (Quodlibet 2008), Un’antica promessa. Studi su Fortini (Quodlibet 2013), Il gatto di Arnheim e altri scritti clandestini (Zona 2016). È in corso di stampa per la collana Antimoderati di Pistoia il suo saggio Franco Fortini. Un profilo militante. 

Franco Fortini (pseudonimo di Franco Lattes) nasce a Firenze nel 1917. Frequenta l’ambiente intellettuale fiorentino, con una precocissima avversione per l’Ermetismo e l’antifascismo crociano o estetizzante dei coetanei. Ebreo il padre, cattolica la madre, entrambi non osservanti, ebbe un’educazione laica. Nella lettura della Bibbia, di Calvino, dell’esistenzialismo di Karl Barth sviluppa una vocazione religiosa, fino all'adesione, ventenne, alla Chiesa Valdese: (“diventare cristiano fu il mio détour per diventare socialista”). Laureato in Legge e in Lettere, nel 1941 è chiamato alle armi. Tra la caduta di Mussolini e l’8 settembre è nella Milano devastata dai bombardamenti, dove assiste al crollo militare e civile del Paese. Ripara clandestinamente in Svizzera: qui riceve da Silone nel ’44 la prima tessera del Partito socialista, che manterrà fino al ’58. 
Dal 1945 si stabilisce a Milano. Tra gli animatori della rivista di Vittorini «Il Politecnico» (‘45-47), è scrittore e appassionato ideologo, analista delle idee in quanto inseparabili dalle scelte morali e dall'azione politica, con un’acutezza e una sensibilità tormentate e tormentose. Diviso fra Marx e Kierkegaard, situa nel lavoro culturale il trait d’union tra politica e vita, tra noi e io. “La parola cultura - scrive già nel 1945 - fa pensare ai libri o allo studio… Per noi cultura è invece il modo nel quale gli uomini producono quanto è necessario alla loro esistenza, la particolare maniera, mutevole per il mutare dei mezzi di produzione, con la quale essi entrano in rapporto con gli altri uomini e con le cose. Cultura è la forma nella quale gli uomini, nella loro storia, si sono scambiati i prodotti del lavoro, costruite capanne e cattedrali, scelte le parole dell’amore; è la forma varia nella quale hanno fissato i costumi, i riti, le leggi; arato i campi, esplorato il mare, condotto gli eserciti, speculato i cieli, composto i poemi”. Fortini lavora come giornalista («Avanti!»), pubblicitario (Olivetti), consulente editoriale, insegnante in Istituti tecnici milanesi e poi all'Università di Siena. All'opera di poeta e traduttore, affianca l’intensa attività di saggista-critico. Tra gli anni ’50 e i ’70 scrive principalmente su riviste militanti: «Discussioni» (1949-53), «Officina» (1955-59), «Ragionamenti» (1955-57), «quaderni piacentini» (1962-84); successivamente anche su settimanali e quotidiani di ampia tiratura («Corriere della Sera», «L’Espresso», «Il Sole 24 ore», «il manifesto»). 
La sua produzione poetica e le sue scritture militanti confluiscono in molti volumi. Da Einaudi escono Foglio di via e altri versi (1946) e il diario di un viaggio in Cina Asia maggiore (1956); negli stessi anni per Comunità traduce Kierkegaard e Simone Weil, e successivamente Proust, Éluard e, in collaborazione con la moglie Ruth Leiser, Brecht, e il Faust di Goethe in dialogo con l’amico Cases. Nel 1957, all'indomani della rivolta ungherese, pubblica da Feltrinelli Dieci inverni 1947-57. Contributi a un discorso socialista, estremo tentativo di riannodare nell'autocritica il filo di un socialismo possibile, dopo le traciche delusioni seguite alle speranze della Resistenza. Tra i primi a cogliere i segni della modernizzazione capitalistica anche in Italia (del 1961 è la Lettera ad amici di Piacenza, poi in L’ospite ingrato, De Donato 1966), negli anni ’60-’70 Fortini è uno dei “padri” della Nuova sinistra. Prima e dopo il Sessantotto, ridefinisce radicalmente i rapporti tra intellettuali e potere in molti saggi e libri: Verifica dei poteri. Scritti di critica e di istituzioni letterarie (Il Saggiatore, 1965), I cani del Sinai (De Donato, 1967), Saggi italiani (De Donato, 1975), Questioni di frontiera. Scritti di politica e letteratura 1965-1977 (Einaudi, 1977). Raccoglie la produzione poetica in Una volta per sempre. Poesie 1938-1973 e Paesaggio con serpente. Versi 1973-1983 (Einaudi, 1978 e 1984). Da Garzanti pubblica nel 1984 Insistenze. Cinquanta scritti 1976-1984, affilata critica del “nichilismo” degli anni Ottanta, e, dopo la caduta del Muro, Extrema ratio. Note per un buon uso delle rovine. Del 1991 è Non solo oggi. Cinquantanove voci (Ed. Riuniti), “dizionario” di temi e parole-chiave di mezzo secolo di lavoro culturale. Attraverso Pasolini (Einaudi, 1992) riassume la tormentata storia dei loro rapporti. Il suo testamento poetico, Composita solvantur, esce da Einaudi nel 1994, l’anno in cui Fortini muore a Milano il 28 novembre. Nel 1996-97 esce postumo Disobbedienze, scritti sul manifesto 1972-1994 (prefazione di Rossana Rossanda).

sabato 28 ottobre 2017

La rivoluzione russa e l'età del comunismo sovietico



1917-2017-REALTÀ E MITO DELLA

RIVOLUZIONE BOLSCEVICA
Piacenza-Serra Palazzo Ghizzoni Nasalli-via Gregorio X n.9
Mercoledì 8 Novembre ore 21



La rivoluzione russa e l’età

del comunismo sovietico


Ne discutono tra loro e coi presenti
GIANNI D’AMO
(presidente dell’associazione Cittàcomune)
PIER PAOLO POGGIO
(direttore Fondazione Micheletti di Brescia)

lunedì 16 ottobre 2017

Intervista a Gianni D'Amo

 Piacenza Diario 13 ottobre 2017


Gianni D'Amo "Giunta Barbieri, due i banchi di prova per valutare l'operato di governo"
intervista sulla pagina di Piacenza Diario del 13 Ottobre 2017

martedì 10 ottobre 2017

Film: "Ottobre" I dieci giorni che sconvolsero il mondo

1917-2017-REALTÀ E MITO DELLA RIVOLUZIONE BOLSCEVICA 
Piacenza-Serra Palazzo Ghizzoni Nasalli-via Gregorio X n.9 


Cento anni fa, il 25 Ottobre 1917 (il 7 Novembre secondo il nostro calendario), con l’assalto al Palazzo d’Inverno di Pietrogrado, i bolscevichi guidati da Lenin conquistavano il potere. Nella Russia nobiliare e contadina, stremata dalla Grande Guerra, la rivoluzione iniziata a Febbraio accelerava irreversibilmente: pace subito, terra ai contadini, banche e grandi industrie nazionalizzate. Iniziava così, in un contesto reso drammatico dalla lotta per la sopravvivenza, il secolo del comunismo, con il suo carico di utopia, tra grandi speranze e brusche disillusioni: dalla deriva totalitaria della collettivizzazione nelle campagne e dell’industrializzazione a tappe forzate, tra purghe staliniane e Gulag, all’incrollabile resistenza all’invasione hitleriana e al largo dispiegarsi dell’influenza sovietica nel II dopoguerra; dai tentativi di destalinizzazione alla dura repressione della rivolta di Budapest ‘56, dai successi nella corsa allo spazio ai carri armati di Praga ‘68, dal fallimento della perestrojka al crollo finale dell’Urss per implosione. Cittàcomune propone agli interessati due serate: per conoscere, discutere, provare a capire. 

Mercoledì 25 Ottobre ore 21 
Proiezione del film di 
SERGEJ M. EJZENSTEJN 
(Urss, 1927, 94 minuti, ingresso gratuito)  
“Ottobre” 
I dieci giorni che sconvolsero il mondo 

Presentazione di LUIGI BOLEDI

martedì 6 giugno 2017

OTTAVASERATAcittàcomune

Piacenza venerdì 16 giugno dalle h 18
c/o cooperativa "La Magnana"

SERATAcittàcomune


cibo e bevande per stare insieme, discutendo di cosa stiamo facendo e cosa vogliamo fare

A DIECI GIORNI DAL BALLOTTAGGIO PER IL NUOVO SINDACO

PIACENZA COM’È DOVE VA
TRA POLITICA E CULTURA, ECONOMIA E SOCIETÀ

Ne discutono tra loro e con i presenti:
Il Sindaco Paolo Dosi - Francesco Cacciatore - Laura Chiappa - Gianni D’Amo - Mino Politi - Marco Tanzi



venerdì 12 maggio 2017

Ciclo "Maestri e compagni" Giovanni Pirelli - Le molte facce dell'impegno

MAESTRI e COMPAGNI 
DA CHI IMPARARE, A CHI ACCOMPAGNARSI

Venerdì 19 maggio 2017 - ore 21 
Piacenza Auditorium Fondazione via S. Eufemia 12

Giovanni Pirelli (1918-1973) è noto come erede “ribelle” di una delle più importanti dinastie industriali italiane e come curatore, insieme a Piero Malvezzi, di libri decisivi come Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (1952) e Lettere di condannati a morte della Resistenza europea (1954). Il libro di recente pubblicazione Giovanni Pirelli. Intellettuale del Novecento (a cura di Mariamargherita Scotti, edizioni Mimesis e Fondazione Isec, 2016) contribuisce oggi a farci conoscere meglio le molte facce del suo impegno politico-culturale, dal sostegno ai movimenti anticoloniali al grande contributo alle culture di sinistra in Italia.
GIOVANNI PIRELLI Le molte facce dell’ impegno 
Ne discutono tra loro e con i presenti: 
Mariamargherita Scotti 
Alberto Saibene 
Francesco Pirelli


Ciclo "Maestri e compagni" Ottantesimo dalla morte di Antonio Gramsci

Giovedì 27 aprile 2017 - ore 21
Piacenza - Coop. Gaetano Lupi
via Taverna 137


Il volantino dell'iniziativa su Gramsci


per il ciclo

MAESTRI e COMPAGNI
DA CHI IMPARARE, A CHI ACCOMPAGNARSI

Gramsci vivo.
Ideologia e
società italiana
Ne discutono tra loro e coi presenti
Natalia Gaboardi
Piergiorgio Bellocchio
e Gianni D’Amo

Decima Assemblea annuale di Cittàcomune


Piacenza - sabato 18 marzo 2017 - ore 15,30 - 18,30

presso la sede di Cittàcomune via Borghetto 2i (II piano)
DECIMA ASSEMBLEA ANNUALE
c i t t à c o m u n e
(l’assemblea è aperta, oltre che ai soci, a tutti gli interessati)
15.30-16.30: presiede Maura Bruno, relazioni di:

 
  • Bilancio economico-organizzativo (Massimo Gardani)
  • Lavoro e impegno culturale (Piergiorgio Bellocchio)
  • Situazione e attività civico-politica (Gianni D’Amo)

16.30-18.30: dibattito tra i soci e i presenti
approvazione bilancio ed eventuali documenti politico-programmatici

Dalle ore 16 alle ore 19 si potrà votare per eleggere
Direttivo, Presidente e Tesoriere dell’Associazione



La decima assemblea annuale di cittàcomune svoltasi sabato 18 marzo 2017 nei locali della propria sede ha indicato il proprio Comitato Direttivo eleggendo Gianni D'Amo presidentee Massimo Gardani tesoriere.

Il Comitato Direttivo è stato scelto nelle persone di: 
Gianni BernardiniEnrico Bertè (detto Chicco), Laura BertoniLivio BoselliMaura Bruno,  Gianni D'AmoMassimo GardaniMario GiacomazziSandro MiglioliPaolo PrandiniFabrizio RedaelliSergio RossiSimona Soffiantini, Marco Tanzi Mario Zucca.
All'interno del Comitato Direttivo è stato successivamente nominato il coordinatore nella persona di Maura Bruno.

Ciclo su Stanley Kubrick 7



Giovedì 23 Febbraio 2017 ore 21
AUDITORIUM FONDAZIONE
Via S. Eufemia 12 - Piacenza

IL SECONDO NOVECENTO
NEL CINEMA DI KUBRICK

Ne discutono tra loro e con i presenti
Alfonso Berardinelli
Piergiorgio Bellocchio
Luigi Boledi

Ciclo su Stanley Kubrick 6


Giovedì 16 Febbraio 2017 ore 21
AUDITORIUM FONDAZIONE
Via S. Eufemia 12 - Piacenza
 
proiezione del film
"Full Metal Jacket"
(Full Metal JacketUsa-GB 1987)
presentazione di Marcello Seregni

Ciclo su Stanley Kubrick 5



Giovedì 9 Febbraio 2017 ore 21
AUDITORIUM FONDAZIONE
Via S. Eufemia 12 - Piacenza

proiezione del film
"Shining"
(The Shining, Usa-GB 1980)
presentazione di Roberto Della Torre


Ciclo su Stanley Kubrick 4


Giovedì 2 Febbraio 2017 ore 21

AUDITORIUM FONDAZIONE

Via S. Eufemia 12 - Piacenza


Stanley Kubrick nella storia del cinema
ne parla e discute coi presenti
Emanuela Martini
critica cinematografica, saggista, direttrice Torino Film Festival

Continua la rassegna "IL SECONDO NOVECENTO NEL CINEMA DI KUBRICK".
Il quarto incontro vedrà la presenza di Emanuela Martini, critica cinematografica, saggista, direttrice Torino Film Festival, che parlerà e discuterà coi presenti del segno lasciato da Kubrick nella storia del cinema.

Emanuela Martini ha collaborato a lungo e a vario titolo a tutti i principali Festival e Mostre del cinema in Italia, dalla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro alla Mostra di Venezia, ricevendo unanimi apprezzamenti soprattutto per la direzione del Bergamo Film Meeteng e poi, dal 2014, del Torino Film Festival. A ciò ha affiancato un’intensa attività critico-saggistica, con contributi a importanti opere collettive [dalla Enciclopedia del cinema Treccani (2003-2004) al Dizionario dei registi del cinema mondiale curato da Gian Piero Brunetta (Einaudi, 2005-2006)] e la pubblicazione di numerose monografie: si è occupata con particolare interesse e approfonditamente di cinema inglese e americano, senza peraltro trascurare autori italiani come Gianni Amelio. Giornalista, ha scritto di cinema su molti giornali e riviste; collabora al Domenicale del Sole-24 ore ed è nel comitato di redazione di Cineforum. È stata conduttrice della rubrica radiofonica Hollywood Party (Rai Radio 3) e collabora con la trasmissione radiofonica Wikiradio.


Nel secondo Novecento Kubrick ha affrontato i più rilevanti problemi del suo tempo e rivoluzionato il rapporto tra contenuto e generi cinematografici, praticandoli pressoché tutti al meglio delle potenzialità espressive.